Comunicato condiviso per l’arrivo dei militari in Gad

Comunicato stampa

…………………………………………………

L’arrivo dei militari a Ferrara

L’arrivo a Ferrara dell’Esercito, al quale l’ Amministrazione era notoriamente sfavorevole, è la conseguenza di una situazione di insicurezza e pericolosità che è oggettivamente sfuggita di mano alle Autorità cittadine competenti. Quindi le associazioni e gruppi formati di cittadini salutano con piacere questo nuovo ausilio alla sicurezza degli abitanti e frequentatori del quartiere Giardino meglio noto come il GAD dalle cronache di tutti i giorni che lo hanno identificato come il ghetto dello spaccio e del degrado.

Una decisione da parte delle autorità locali competenti sicuramente tardiva poiché da anni le sottoscritte associazioni e gruppi che si occupano di riqualificare il quartiere hanno richiesto più volte alle medesime un potenziamento dei controlli attraverso un maggior numero di personale sul territorio. Siamo certi che l’esercito verrà accolto favorevolmente dai tutti i residenti che condividono il loro quotidiano vivere con fenomeni sempre più frequenti ed intensi di risse, spaccio, violenza e micro-criminalità.

Un aumento di forze da impiegare rappresenta uno strumento necessario ed importante, in quanto va a rafforzare la presenza di presidi e controlli a supporto della cronica carenza di organico delle FF.OO. nel contrastare l’illegalità e il degrado. Dal nostro punto di vista riteniamo che dodici militari non rappresentino un’invasione, come qualcuno sostiene, ma un segnale oggettivo di presenza delle FF.OO. che dà più sicurezza, più tranquillità ai cittadini oramai rassegnati da quello che vedono e che spesso li porta a non uscire di casa in certi orari.

Quale scompenso esistenziale potrebbe creare la vista di militari? Pensiamo a chi rientra a casa dal lavoro di sera. Una persona da sola non si sentirebbe più sicura nel vedere dei militari che controllano il territorio? Piuttosto che assistere e/o ritrovarsi nel mezzo di una rissa? Non sarebbe meglio poter passeggiare alla sera come si faceva un tempo anziché assistere a situazioni che necessitano la richiesta da parte dei cittadini di un intervento delle forze dell’ordine e delle ambulanze?

Diamo una piccola speranza a chi l’ha perduta. Un segno di poter risanare un quartiere dove la criticità è finalmente sotto gli occhi di tutti i ferraresi. Una situazione nel tempo sfuggita di mano a chi non ha voluto vedere e riconoscere il fallimento della politica di integrazione così come è stata condotta fino ad oggi.

Le associazioni e gruppi di cittadini sottoscriventi continueranno instancabilmente la loro opera fattiva e collaborativa di segnalatori per ridare una nuova vita al quartiere GAD “Giardino Accogliente della città”.

Un ringraziamento va a tutto il personale delle FF.OO. che ogni giorno rischia la propria vita per le strade della nostra città.

 

Associazione Comitato Zona Stadio

Associazione GAD Sicura

Associazione Insorgenti Ferrara

Associazione Residenti GAD